“Lacrime di gioia e bottiglie di prosecco” la reazione dei britannici che vivono in Italia dopo aver ricevuto la notizia che i loro diritti saranno protetti dopo la Brexit dal governo italiano.

Dopo la notizia sulla minaccia del no-deal verso le università inglesi, trattiamo di un problema risolto che stava stressando i cittadini inglesi. Infatti gli inglesi che vivono in Italia possono festeggiare dopo che il governo italiano ha dato loro “il miglior regalo di Natale“.

Il governo italiano ha ufficialmente confermato che stanno lavorando per garantire i diritti delle decine di migliaia di cittadini britannici che continueranno a vivere in Italia dopo la Brexit.

Deal o no-deal, funzionari ufficiali di Palazzo Chigi a Roma hanno detto che i britannici in Italia non si sveglieranno il 30 marzo 2019 come “irregolari”, senza il diritto di vivere e lavorare nel loro paese adottato; una possibilità che ha alimentato l’ansia tra i residenti britannici del paese sin dal primo referendum.

Funzionari di alto livello del Ministero degli Affari Esteri hanno incontrato e confermato alla commissione britannica in Italia che tutti i cittadini britannici legalmente residenti in Italia il 29 marzo 2019 continueranno ad essere legalmente residenti e manterranno i loro attuali diritti al lavoro, il gruppo dichiarato in un comunicato stampa questa mattina.

Cosa pensano i cittadini britannici?

“Siamo assolutamente felici di questa meravigliosa notizia per noi cittadini britannici che risiediamo in Italia”, ha detto Anne Parry.

Molte persone sono state così preoccupate per quello che succederà il 30 marzo da non riuscire a godersi le vacanze natalizie, ma ora possiamo rilassarci“.

“Così tante persone hanno inviato messaggi di ringraziamento e sostegno, condividendo spesso le lacrime di gioia e le foto di bottiglie di Prosecco, quindi oggi ci sentiamo molto sollevati e felici”.

“Sentiamo di essere veramente i benvenuti in Italia e parte della grande comunità europea.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here